UNISTRASI - Università per Stranieri di Siena - Ateneo Internazionale
Servizio Civile Nazionale, un'esperienza di valore

 / 

Dal 10 ottobre otto giovani stanno svolgendo un anno di Servizio Civile Nazionale all'Università per Stranieri di Siena. Si tratta dei Volontari dei due progetti "OrientaUnistrasi" e "BiblioUnistrasi" che l'Ateneo ha attivato a partire dal 2016 per ampliare la gamma dei servizi dedicati ai propri studenti, in particolare al pubblico degli studenti internazionali. Diverse sono le attività a cui i Volontari si stanno dedicando, dall'orientamento universitario alla mobilità Erasmus+, ai servizi offerti dalla nostra Biblioteca, punto di riferimento per tutti i giovani che frequentano l'Ateneo.

A distanza di tre mesi dall'inizio delle attività, come viene giudicata questa esperienza a livello formativo, professionale e culturale? 

"In questi tre mesi di presa in servizio ho potuto apprendere la storia di un libro dal suo ordine alla sua messa a scaffale. È sicuramente un'attività formativa e professionale appassionante, soprattutto per chi come me è interessato ad un futuro lavorativo nell'ambito della cultura e dell'educazione" ci racconta Anna, che sta svolgendo il Servizio Civile presso la Biblioteca di Ateneo.

"Dal mio punto di vista, lavorare in biblioteca mi ha aiutata, oltre a comprendere più a fondo la complessità di un mestiere spesso oggetto di stereotipi come quello del bibliotecario, ad acquisire o migliorare una serie di competenze professionali e relazionali utili per la vita futura. In particolar modo, la possibilità di imparare a svolgere diversi compiti (catalogazione, prestito interbibliotecario, servizio al pubblico), con l’aiuto di un personale sempre disponibile alla formazione, mi è stata utile per migliorare alcuni aspetti di versatilità e flessibilità nell’approccio al lavoro", prosegue la sua collega Marta, anch'essa assegnata alla Biblioteca.

Positiva è l'esperienza anche di chi si sta cimentando con i servizi agli studenti come Pietro, il quale ci racconta che: "il mio incarico principale è stato occuparmi delle attività di accoglienza e servizio al front office, che mi ha permesso di dedicarmi a rispondere alle necessità e a conoscere le problematiche incontrate dagli studenti dei nostri corsi. Nel rapporto con il pubblico ho acquisito una maggiore consapevolezza del più ampio spettro di utenti che si rivolge alla segreteria del nostro Ateneo. L'impegno quotidiano in un ambiente di lavoro già ben strutturato mi sta formando nel gestire la comunicazione e per rendere un servizio quanto più celere ed efficacie possibile al pubblico".

Anche Ginevra sottolinea la valenza formativa di questa esperienza: "a noi giovani oggigiorno risulta necessario attingere quanta più conoscenza possibile da brevi esperienze lavorative, con il risultato che spesso riusciamo a conoscere un po’ di tutto ma nulla nello specifico, e ciò comporta una certa insicurezza nella proprie capacità. Il Servizio Civile presso l’Università per Stranieri di Siena, pur essendo un’esperienza di volontariato, è per me la prima esperienza in ambiente lavorativo che in poco tempo ha infuso nozioni lavorative specifiche, non solo teoriche ma soprattutto pratiche, poiché l’Unistrasi ha reso possibile un concreto inserimento di noi volontari nel funzionamento della struttura".

Secondo i nostri Volontari il valore aggiunto di svolgere il Servizio Civile presso Unistrasi è rappresentato dal suo ambiente multiculturale. "In questi tempi in cui lo straniero spesso è visto come un ospite indesiderato, è bello riscoprire e vivere l'incontro quotidiano con l'altro" secondo Anna. L'Ateneo è percepito come un luogo accogliente e stimolante, come sottolinea Domenico: "è proprio questo il valore aggiunto dell'Università per Stranieri di Siena: la multiculturalità e, al contempo, la sensazione di sentirsi a casa". E ancora, continua Pietro: "Un punto di incontro di diverse nazionalità e culture, una seconda casa tra chi, spinto da interesse e curiosità, si avvicina per la prima volta alla cultura italiana". Secondo Saverio la possibilità di lavorare in un luogo frequentato da persone di diverse culture contribuisce indubbiamente nel dare quel “qualcosa” in più che è proprio dello spirito del Servizio Civile.

Cosa conserveranno di questa esperienza i nostri Volontari in futuro? Secondo Daniele "l’Università per Stranieri, nel suo piccolo, è un gioiello. Per la sua peculiare apertura al multiculturalismo richiede, a seconda dello studente che si presenta, una grande flessibilità e capacità di adattamento. Tutte doti che un domani saranno fondamentali per reintrodursi nel sempre più internazionalizzato mondo del lavoro, sia questo in azienda o in una associazione".