UNISTRASI - Università per Stranieri di Siena - Ateneo Internazionale
Area della didattica - Scuola di Specializzazione in Didattica dell'Italiano come Lingua Straniera

 /   /   /    

L’Università svolge, nell’ambito di una struttura denominata Scuola Superiore di Dottorato e di Specializzazione (SSDS), attività formative di terzo livello che conducono al Dottorato di Ricerca (area della Ricerca) e al Diploma di Scuola di Specializzazione (area della Didattica).

La Scuola di Specializzazione in Didattica dell'Italiano come Lingua Straniera dell'Università per Stranieri di Siena è il percorso formativo in didattica dell’italiano L2 più completo e articolato presente oggi in Italia. La Scuola ha lo scopo di formare operatori che intendono entrare nel mondo dell'insegnamento della lingua e della cultura italiana a stranieri e di qualificare quanti italiani e stranieri già operano in questo settore.

A tal fine, la Scuola ha il compito di impartire ed aggiornare le nozioni specialistiche di ordine teorico e pratico utili all’insegnamento, alla promozione e alla valutazione delle competenze dell’italiano come lingua seconda e straniera in Italia e all’estero, nel quadro generale della cultura italiana in una pluralità di contesti di apprendimento e di insegnamento.

L'attività formativa prevede forme di didattica teorico-pratica, che si svolgono anche attraverso esercitazioni, seminari e forme di tirocinio da svolgere presso i centri di ricerca della nostra università o presso enti convenzionati, sia in Italia che all’estero.

La durata del corso è biennale. Parte dei corsi si svolge in modalità a distanza. Questo consente di ridurre le settimane di presenza in aula e di sperimentare forme di didattica innovative basate sull’utilizzo della piattaforma per l’elearning dell’Università per Stranieri.

Il totale dei CFU rilasciati dalla Scuola è 120.

Alla Scuola si accede per concorso e per titoli. Le modalità del concorso e i titoli valutabili ai fini dell’ammissione sono precisati nell'apposito bando emanato di anno in anno dal Rettore dell'Università per Stranieri di Siena. 

Tale titolo dà la possibilità, congiuntamente ai titoli di abilitazione e ai titoli aggiuntivi previsti dalla normativa vigente, di accedere alla classe di concorso denominata A23 (italiano per discenti di lingua straniera), così come indicato nel D.M. 92/2016, ed è valido per tutte le altre graduatorie per l’insegnamento dell’italiano a stranieri.  


 

Progetto formativo


Percorso di studio

Attività didattica

Attività di tirocinio

Percorsi professionalizzanti


Frequenza e calendario delle lezioni

Istruzioni per la fruizione dei moduli e dei seminari a distanza

Modalità di svolgimento degli esami di profitto

Calendario degli appelli degli esami di profitto e di tesi finale

Guide dello studente e programmi della Scuola di Specializzazione


Requisiti di accesso

Esempi di riconoscimento di CFU

Esame di ammissione

Bando di ammissione alla Scuola di Specializzazione

Graduatoria finale

Lista degli ammessi direttamente

Modulistica

Calendario prove concorso

Tasse di iscrizione e scadenze

Esame finale


Contatti

 


Progetto formativo

La Scuola di Specializzazione è un percorso formativo post-lauream che ha l’obiettivo di fornire conoscenze e abilità per operare nel campo della didattica dell’italiano a stranieri. Al termine del percorso viene rilasciato il titolo di Specialista in didattica dell’italiano a stranieri. La Scuola di Specializzazione è rivolta a coloro che sono in possesso di un diploma di laurea triennale, magistrale o vecchio ordinamento. Per il conseguimento del titolo si deve seguire un percorso che prevede moduli formativi, seminari di approfondimento e attività di tirocinio.

I moduli formativi sono lezioni teorico frontali in presenza o a distanza. Essi sono raggruppati per aree tematiche. Le aree tematiche previste sono:

  • Area di Didattica della lingua italiana;
  • Area di Didattica della letteratura italiana;
  • Area Linguistica;
  • Area Interdisciplinare.

Questi moduli formativi sono presenti sia il primo che il secondo anno e prescindono il percorso professionalizzante prescelto. Alcuni di essi sono propedeutici e si svolgono il primo anno allo scopo di rinforzare le competenze in ingresso degli iscritti orientandole sulle tematiche proprie della didattica dell’italiano a stranieri; altri sono di approfondimento e si svolgono nel secondo anno con la funzione di approfondire alcune questioni centrali nella didattica dell’italiano e di introdurre argomenti che per la loro specificità sono di pertinenza di un percorso di studi avanzati come la Scuola.

I seminari di approfondimento, presenti nel solo secondo anno, sono forme di didattica centrate su aspetti operativi della didattica e consentono allo studente di sperimentare azioni e procedure utili per il suo percorso formativo professionalizzante. Proprio per questo loro carattere fortemente pratico e specifico, essi sono diversi a seconda di quale percorso professionalizzante viene prescelto dallo studente al momento dell’ammissione al secondo anno.

Le attività di tirocinio, invece, sono delle vere e proprie esperienze di lavoro/formazione che sono svolte in parte presso i Centri di Ricerca e Servizi presenti nel nostro Ateneo ed in parte presso strutture convenzionate che operano nel campo della diffusione dell’italiano sia in Italia che all’estero. Le ore di tirocinio sono previste sia il primo che il secondo anno.

Il percorso formativo ideale proposto dalla Scuola si snoda lungo tre macro fasi.

La prima corrisponde alla frequenza, intera o parziale, del primo anno di Scuola nella quale prevalgono forme di didattica frontale uguale per tutti. La funzione principale del primo anno di corso è di creare una base concettuale comunemente condivisa fra tutti i corsisti. Un’altra funzione è quella di aggiungere competenze necessarie per operare nel campo della didattica dell’italiano a stranieri non precedentemente acquisite in altri corsi di formazione.

Superato l’esame posto al termine del primo anno, lo studente passa alla seconda fase dove gli è richiesto di indicare un percorso professionalizzante tra quelli presenti nell’ordinamento della Scuola.

La Scuola presenta ben quattro percorsi professionalizzanti che coprono l’intera gamma delle opportunità lavorative inerenti la didattica dell’italiano L2.

I percorsi sono i seguenti: Insegnante di italiano all’estero nelle scuole di lingua e nella formazione superiore, Insegnante di italiano L2 in Italia, Valutazione e certificazione delle competenze, L’italiano L2 per il sistema scolastico. Una volta selezionato il percorso, le forme di didattica si differenziano e, accanto ai moduli formativi comuni previsti per il secondo anno, inizia la frequenza ai seminari di approfondimento differenti a seconda di quale percorso professionalizzante sia stato scelto. Ogni percorso professionalizzante definisce un profilo lavorativo e presenta contenuti formativi, ore di tirocinio, attività pratiche utili per quel profilo.

La terza e ultima fase prevede la selezione di una sede per le attività di tirocinio in linea con il percorso professionalizzante prescelto e la realizzazione di un lavoro di tesi finale centrato sulle tematiche emerse dall’esperienza di tirocinio svolta e dalla frequenza del proprio percorso professionalizzante.

Torna all'indice


Percorso di studio

Il primo anno è comune a tutti i corsisti e consiste nella frequenza di nove moduli formativi relativi alle 4 aree (per un totale di 112 ore) e di 90 ore di tirocinio (60 presso Centri di ricerca e servizi interni all’Ateneo e 30 presso altri enti convenzionati in Italia o all’estero).

Nel secondo anno, oltre a seguire sei moduli formativi delle 4 aree comuni a tutti (per un totale di 76 ore), gli studenti dovranno frequentare i seminari di approfondimento relativi al percorso professionalizzante scelto tra quelli proposti (per un totale di 30 ore). Lo studente ha la facoltà di seguire i corsi e di sostenere l'esame anche per un altro dei corsi professionalizzanti proposti. La frequenza e il superamento dell'esame per l’altro percorso professionalizzante oltre al proprio, verrà segnalata nel diploma finale.

I percorsi professionalizzanti fra i quali scegliere sono:

  • Insegnante di italiano all'estero nelle scuole di lingua e nella formazione superiore;
  • Insegnante di italiano L2 in Italia;
  • Valutazione e certificazione delle competenze;
  • L’italiano L2 per il sistema scolastico.


Anche nel secondo anno, poi, sono previste 90 ore di tirocinio sia presso i centri di ricerca interni all’Ateneo, sia presso enti convenzionati in Italia o all’estero. La composizione interna di queste ore di tirocinio varia a seconda del percorso professionalizzante prescelto.

Gli insegnamenti, appartengono ai settori scientifico-disciplinari della didattica delle lingue, della linguistica, della linguistica italiana, della letteratura italiana, della pedagogia e della semiotica.

Sono previsti due esami di profitto, uno per il passaggio dal I al II anno di corso e uno finale a compimento del II anno di corso.

Il corso si conclude con una prova finale, consistente in una tesi scritta in una o eventualmente in più discipline comprese nell’ordinamento del corso su un tema collegato con il percorso professionalizzante scelto e/o al tirocinio svolto.

A chi abbia superato la prova finale, l’Università per Stranieri di Siena conferisce il titolo di Specialista in Didattica dell’Italiano come Lingua Straniera.

I percorsi professionalizzanti sono la parte di percorso che serve per orientare al meglio i contenuti della Scuola alle esigenze formative professionali dei singoli studenti. I percorsi offrono un ampio ventaglio di offerte formative assolutamente in linea con l’attuale mercato lavorativo della didattica dell’italiano a stranieri.

Ogni studente, una volta superato l’esame di passaggio dal primo al secondo anno, deve indicare un percorso tra i quattro proposti e su quello basarsi per la frequenza ai seminari e per le ore di tirocinio. Su i seminari di questo percorso, oltre che sui moduli uguali per tutti, poi dovrà anche svolgere obbligatoriamente l’esame finale di secondo anno. I percorsi professionalizzanti si attivano solo con un numero minimo di 4 frequentanti. Se non si raggiunge questo numero minimo, sarà richiesto agli studenti di scegliere uno degli altri percorsi professionalizzanti attivati.

Torna all'indice


Percorso professionalizzante - Insegnante di italiano all'estero nelle scuole di lingua e nella formazione superiore

Coordinatore
Pierangela Diadori
diadori@unistrasi.it
 
Obiettivi formativi
Questo percorso professionalizzante si prefigge l’obiettivo di sviluppare le competenze necessarie per operare nel campo della didattica dell’italiano L2 fuori dai confini nazionali. In particolare, saranno aggiornate e approfondite le competenze per la gestione della formazione linguistica in contesti dove l’italiano non è lingua nazionale.
 
Percorso formativo specifico
Seminari di approfondimento:
  • Definizione dei contenuti di insegnamento per specifici profili (L-Fil LET 12 / 6 ore / 3 CFU)
  • Progettazione e gestione dell’unità di lavoro (L-Lin 02 / 6 ore / 3 CFU)
  • Strumenti multimediali e in rete per l’insegnamento e lo studio dell’italiano (L-Fil LET 12 / 6 ore / 3 CFU)
  • Analisi dei bisogni e delle motivazioni (M-Ped 01 / 6 ore / 3 CFU)
  • Tipi linguistici a confronto (L-Lin 01 / 6 ore / 3 CFU)
Attività di tirocinio:
  • 25 ore presso il centro DITALS
  • 20 ore presso il centro FAST
  • 45 ore presso enti esterni all’estero o in Italia

Torna all'indice


Percorso professionalizzante - Insegnante di italiano L2 in Italia

Coordinatore
Antonella Benucci
benucci@unistrasi.it
 
Obiettivi formativi
Questo percorso professionalizzante si prefigge l’obiettivo di aggiornare e sviluppare le competenze spendibili nella didattica della lingua italiana in Italia, con riferimento anche alla didattica dell’italiano a stranieri adulti migranti e a stranieri in età scolastica residenti in Italia.
 
Percorso formativo specifico
Seminari di approfondimento:
  • Programmazione e curricolo (L-Fil LET 12 / 6 ore / 3 CFU)
  • Progettazione e gestione dell’unità di lavoro (L-Lin 02 / 6 ore / 3 CFU)
  • Italiano e lingue immigrate in contatto (L-Lin 02 / 6 ore / 3 CFU)
  • Tipi linguistici a confronto (L-Lin 01 / 6 ore / 3 CFU)
  • Analisi dei bisogni e delle motivazioni (M-Ped 01 / 6 ore / 3 CFU)
Tirocinio:
  • 25 ore presso il centro CLUSS
  • 20 ore presso il centro FAST
  • 45 ore presso enti esterni in Italia

Torna all'indice


Percorso professionalizzante - Valutazione e certificazione delle competenze

Coordinatore
Prof.ssa Sabrina Machetti
machetti@unistrasi.it
 
Obiettivi formativi
Questo percorso professionalizzante è rivolto a coloro interessati a diventare esperti di testing e valutazione, in particolare a fini certificatori.
 
Percorso formativo specifico
Seminari di approfondimento:
  • Progettazione di test (L-Lin 02 / 10 ore / 5 CFU)
  • Valutazione delle prove (L-Lin 02 / 10 ore / 5 CFU)
  • Trattamento statistico dei dati (L-Lin 02 / 10 ore / 5 CFU)
Tirocinio:
  • 60 ore presso il centro CILS
  • 15 ore presso il centro DITALS
  • 15 ore presso il centro FAST

Torna all'indice


Percorso professionalizzante - L’italiano L2 per il sistema scolastico

Coordinatore
Donatella Troncarelli
 
Obiettivi formativi
Il percorso professionalizzante si propone di sviluppare le competenze per l'insegnamento dell'italiano L2 e la gestione della classe multietnica nell'ambito del sistema scolastico. In particolare saranno approfondire le conoscenze relative al contatto linguistico, la riflessione sulla trasversalità dell’educazione linguistica e sviluppate competenze metodologiche inerenti la costruzione di percorsi didattici rivolti ad alunni italofoni e non-italofoni.
 
Percorso formativo specifico
  • Semplificazione e trattamento didattico dei testi (L-Lin 02/L-fil Let 12 / 6 ore/ 3 CFU)
  • Progettazione e gestione dell’unità di lavoro (L-Lin 02 / 6 ore / 3 CFU)
  • Italiano e lingue immigrate in contatto (L-Lin 02 / 6 ore / 3 CFU)
  • Italiano come lingua per lo studio (L-Fil let 12 / 6 ore / 3 CFU)
  • Elementi contrastivi tra l’italiano e le principali lingue straniere presenti nel sistema scolastico (settore misto / 6 ore / 3 CFU) 

Tirocinio:

  • 20 ore presso il centro FAST
  • 25 ore presso il centro CILS
  • 45 ore presso enti esterni in Italia o all'estero

Torna all'indice


Frequenza e calendario delle lezioni

I corsi della Scuola di Specializzazione in presenza sono concentrati in due settimane per il primo anno e in quattro settimane per il secondo anno. Le lezioni si svolgono di pomeriggio dal lunedì al venerdì. Alle lezioni in presenza vanno aggiunti i corsi che si svolgono in modalità a distanza. I corsi a distanza iniziano a metà novembre e si concludono a metà maggio (sono escluse le settimane nelle quali si tengono i corsi in presenza). I moduli o i seminari a distanza che si svolgono in modalità "videoconferenza" richiedono l'obbligo per lo studente di collegarsi alla piattaforma ad orari prestabiliti per seguire le lezioni con il docente. Gli orari saranno sempre scelti tra i giorni cmpresi dal lunedì al venerdì, il pomeriggio, per una o due ore. Mentre, i moduli o i seminari a distanza che si svolgono in modalità "asincrona" non prevedono obbligo di collegamento ad orari specifici, ma l'obbligo di eseguire le attività indicate e di usufruire dei materiali collocati in piattaforma dal docente. In questo caso, per monte orario si deve intende il carico didattico espresso in ore necessario per eseguire le attività proposte. 

La frequenza alle lezioni è obbligatoria. È ammesso di diritto un numero di assenze per ciascun modulo o seminario pari al 30% delle ore di lezione. Numeri superiori di assenze devono essere richiesti al Consiglio della Scuola e approvati preventivamente.

Non sono ammesse forme di esonero totale dalle lezioni.

Torna all'indice


Istruzioni per la fruizione dei moduli e dei seminari a distanza

Parte dei moduli e dei seminari del percorso formativo si svolge a distanza (on line da casa) secondo due modalità:

  • La prima saranno delle video conferenze fruibili dall'aula virtuale di Adobe connect. In questo caso in un orario stabilito che sarà sempre pomeridiano nella fascia oraria compresa tra le 13.30 e le 19.30 lo studente non dovrà far altro che collegarsi ad un link indicato da noi e assistere da casa alla lezione tenuta dal docente. 
  • La seconda modalità, invece, prevede le fruizioni dei corsi in modalità completamente asincrona collegandosi allo spazio e-learning del nostro ateneo (www.elearning.unistrasi.it). In questo caso lo studente dovrà svolgere delle attività che consisteranno in visione pillole video, lettura dei materiali collocati in piattaforma, partecipazione a gruppi di lavoro on line, dialogare nell'area forum con il docente e con il resto della classe. 


Vi forniamo tre distinti documenti da leggere per ottenere ulteriori informazioni su come gestire al meglio questa parte del percorso didattico:


Si ricorda che la partecipazione alle attività didattiche a distanza è obbligatoria e parte integrante del percorso formativo della scuola e sarà monitorata sia dal docente sia attraverso la verifica da parte degli uffici degli accessi alla piattaforma.

 

Torna all'indice


Modalità di svolgimento degli esami di profitto

Gli appelli d’esame sono divisi per aree per quel che riguarda i contenuti dei moduli formativi, e per percorsi per quel che riguarda i seminari. Ogni anno prevede tre sessioni d’esame.

Gli studenti di primo anno possono scegliere se svolgere la prova per tutte le aree in un'unica sessione, oppure optare per lo svolgimento dell’esame per una parte delle aree in una sessione e il resto nell’altra. L’esame si intende superato e si acquisisce il diritto di accedere al secondo anno solo dopo aver superato l’esame in tutte e 4 le aree.

Gli studenti del secondo anno, invece, possono scegliere se fare tutto in una sessione d’esame, oppure optare per lo svolgimento in una sessione di esame parte delle aree dei moduli formativi e nell’altra completare le aree dei moduli formativi e l’esame sui seminari professionalizzanti del percorso prescelto (ed eventualmente per l’altro facoltativo). Anche in questo caso, l’esame di passaggio si intende superato solo dopo aver superato la prova sia per i moduli formativi che per i seminari professionalizzanti. La commissione giudicatrice, composta dai docenti dei rispettivi insegnamenti, esprime un giudizio globale sul livello di preparazione del candidato nelle singole discipline e relative attività prescritte per l’anno di corso. La valutazione complessiva è espressa in trentesimi.

Torna all'indice


Calendario degli appelli degli esami di profitto e di tesi finale

Anno Accademico 2017/2018

Area di Didattica della lingua italiana
22 novembre 2017 ore 10.45
20 giugno  2018 ore 10.45
12 settembre 2018 ore 10.45

21 novembre 2018 ore 10.45

Area di Didattica della letteratura italiana
22 novembre 2017 ore 11.45
20 giugno  2018 ore 11.45
12 settembre 2018 ore 11.45

21 novembre 2018 ore 11.45

Area Linguistica
22 novembre 2017 ore 12.45
20 giugno  2018 ore 12.45
12 settembre 2018 ore 12.45

21 novembre 2018 ore 12.45

Area Interdisciplinare
22 novembre 2017 ore 13.45
20 giugno  2018 ore 13.45
12 settembre 2018 ore 13.45

21 novembre 2018 ore 13.45

Seminari professionalizzanti
22 novembre 2017 ore 14.45
20 giugno  2018 ore 14.45
12 settembre 2018 ore 14.45

21 novembre 2018 ore 14.45

Appelli discussione tesi
7 novembre 2017 ore 11.00 a.a 2016/17
14 febbraio 2018 ore 11.00 a.a 2016/17
10 luglio 2018 ore 11.00
7 novembre 2018 ore 11.00

 

Anno Accademico 2016/2017

Area di Didattica della lingua italiana
23 novembre 2016  10.45
28 giugno  2017 ore 10.45
13 settembre 2017 ore 10.45
22 novembre 2017 ore 10.45
 
 Area di Didattica della letteratura italiana
23 novembre 2016  11.45
28 giugno  2017 ore 11.45
13 settembre 2017 ore 11.45
22 novembre 2017 ore 11.45
 
 Area Linguistica
23 novembre 2016  12.45
28 giugno  2017 ore 12.45
13 settembre 2017 ore 12.45
22 novembre 2017 ore 12.45
 
 Area Interdisciplinare
23 novembre 2016  13.45
28 giugno  2017 ore 13.45
13 settembre 2017 ore 13.45
22 novembre 2017 ore 13.45
 
 Seminari professionalizzanti
23 novembre 2016  14.45
28 giugno  2017 ore 14.45
13 settembre 2017 ore 14.45
22 novembre 2017 ore 14.45
 
 Appelli discussione tesi
14 febbraio 2017 ore 11.00 a.a. 2015/2016
4 luglio 2017 ore 11.00
7 novembre 2017 ore 11.00
14 febbraio 2018 ore 11.00 a.a. 2016/2017

 

Torna all'indice


Guide dello studente e programmi della Scuola di Specializzazione

Torna all'indice


Requisiti di accesso

Alla Scuola si accede per concorso. Possono essere ammessi alla Scuola tutti gli studenti in possesso di diploma di laurea triennale, quadriennale o magistrale, purché la loro carriera universitaria sia riconosciuta (o riconoscibile da parte degli organi della Scuola) in termini di CFU, secondo quanto stabilito dalla normativa vigente. Possono essere ammessi anche cittadini stranieri o italiani che abbiano un titolo di studio conseguito all’estero e riconosciuto idoneo, anche nel rispetto degli accordi internazionali vigenti, dal Consiglio della Scuola. Per i cittadini stranieri è richiesto un livello di conoscenza della lingua italiana pari al livello C2 indicato nel Quadro Comune Europeo di Riferimento per le lingue del Consiglio d’Europa.

E’ prevista inoltre l’ammissione senza esame con sola valutazione dei titoli finalizzata al riconoscimento di crediti per gli studenti che abbiano superato l’esame di Stato abilitante all’insegnamento presso le Scuole Superiori per l’Insegnamento Secondario (SSIS), indirizzi Linguistico-Letterario e Lingue Straniere, o che sono in possesso dell’abilitazione conseguita al termine del corso di TFA e dei PAS nelle classi indicate all’allegato 1 del presente bando, o che siano  in possesso di Master o Certificati di competenza in Didattica delle lingua italiana indicati nel DM 92 del 23/02/2016.

Torna all'indice


Esempi di riconoscimento di CFU

Qui di seguito si possono vedere esempi di riconoscimento CFU per chi è già in possesso dei titoli che lo ammettono direttamente al primo anno della Scuola. Si fa presente che ciò che viene mostrato in questa pagina vale solo per avere un'idea del numero di CFU che ciascuno potrà vedersi riconosciuto e delle materie oggetto dell'esonero. Sarà, però, solo la commissione preposta a decidere in ultima istanza il numero e le materie esonerate a ciascun studente.

Torna all'indice


Esame di ammissione

L’esame di ammissione consiste in una prova scritta. Le modalità di esecuzione della prova sono stabiliti dalla commissione preposta alla selezione dei candidati. I temi oggetto di valutazione possono riguardare la glottodidattica dell'italiano a stranieri, la sociolinguistica della lingua italiana e la linguistica italiana.

Torna all'indice


Bando di ammissione alla Scuola di Specializzazione per l’a.a. 2017/2018

Torna all'indice


Modulistica

Torna all'indice


Calendario prove concorso

Scuola Specializzazione in “Didattica dell’italiano come lingua straniera” a.a. 2017/2018 

PROVA SCRITTA: 19 ottobre 2017 ore 10:30

Si invitano i candidati a presentarsi alla prova scritta con mezz’ora di anticipo rispetto all’orario previsto per lo svolgimento della prova, muniti di un documento di riconoscimento valido, per le pratiche di identificazione.
Le prove si svolgeranno presso la sede dell’Università per Stranieri di Siena – Piazza Carlo Rosselli 27/28 – Siena.

Torna all'indice


Tasse di iscrizione e scadenze

L’importo della contribuzione universitaria per l’iscrizione al I anno è fissato in € 1.600,00. L’importo deve essere pagato in due rate: la prima rata di € 800,00 all’atto dell’iscrizione, e la seconda, di € 800,00 a conguaglio, entro il 30 aprile 2017.

L’importo della contribuzione universitaria per l’iscrizione al I anno per coloro che sono ammessi senza esame e con riconoscimento crediti è fissato in € 800,00. L’importo deve essere pagato in due rate: la prima rata di € 400,00 all’atto dell’iscrizione, e la seconda, di € 400,00 a conguaglio, entro il 30 aprile 2017.

Il pagamento della contribuzione universitaria potrà essere effettuato tramite le seguenti modalità:

- bonifico bancario sul c/c bancario n. 63228233 intestato all’Università per Stranieri di Siena presso la Banca Monte dei Paschi di Siena - Agenzia 13 – Piazza Giovanni Amendola, 4 – Siena (IBAN: IT 73 G 01030 14217 000063228233 - BIC: PASCITM1J25). Nella causale del versamento dovrà essere indicato: “Cognome, Nome, Scuola di Specializzazione;
- MAV generato automaticamente dal sistema di immatricolazione
- pagamento on line attraverso carta di credito - bancomat o carta di credito (direttamente presso il front office dell’Area Management Didattico e Urp - Corsi Post Lauream).

Gli studenti sono tenuti ad effettuare il pagamento della Tassa Regionale per il Diritto allo Studio Universitario di € 140,00, ai sensi della Legge Regionale n. 4 del 3/01/2005. Per il pagamento lo studente dovrà collegarsi al sito dell’Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario (www.dsu.toscana.it). Da qui partirà un percorso che guiderà fino alla creazione e stampa del Mav on line.

Per le modalità di ammissione alla Scuola di Specializzazione si veda quanto riportato nel Bando.

Torna all'indice


Esame finale

Il corso si conclude con un prova finale consistente nella discussione di una tesi scritta in una o eventualmente in più discipline comprese nell’ordinamento del corso su un tema collegato con il percorso professionalizzante scelto e/o al tirocinio svolto. All'esame finale possono accedere gli specializzandi che abbiano regolarmente frequentato i corsi previsti e superato gli esami di passaggio dal primo anno al secondo e l’esame finale di secondo anno e che siano regolarmente iscritti alla Scuola (anche se, eventualmente, fuori corso).

(Vecchio Sistema – fino agli immatricolati a.a. 2016/2017) 
Documenti da portare a corredo della domanda per la tesi di Specializzazione da consegnare almeno un mese prima della data stabilita per la tesi:
1. Domanda di esame finale Mod. SS5.
2. N. 1 copia della dissertazione scritta firmata nel frontespizio dal Relatore. La consegna della copia della tesi in Area management didattico e Urp – Segreteria corsi Post Lauream può essere rinviata al massimo sino a dieci giorni prima della seduta di diploma. Gli interessati, presi gli opportuni accordi, sono tenuti inoltre a consegnare personalmente una copia della tesi al Relatore e una al Correlatore.
3. Richiesta di assegnazione della tesi Mod. SS4 firmata dal Relatore.
4. Ricevuta di pagamento della Tassa di diploma di € 51,65. 
 Il pagamento della contribuzione universitaria potrà essere effettuato tramite le seguenti modalità:
- MAV generato automaticamente dal sistema di immatricolazione
- pagamento on line attraverso carta di credito
- bonifico bancario sul c/c bancario n. 63228233 intestato all’Università per Stranieri di Siena presso la Banca Monte dei Paschi di Siena - Agenzia 13 – Piazza Giovanni Amendola, 4 – Siena (IBAN: IT 73 G 01030 14217 000063228233 - BIC: PASCITM1J25). Nella causale del versamento dovrà essere indicato: “Cognome, Nome, Scuola di Specializzazione;
- bancomat o carta di credito (direttamente presso il front office dell’Area Management Didattico e Urp - Corsi Post Lauream)

6. N. 1 marca da bollo da € 16,00 da applicare sul Mod. SS5.
7. Registro del tirocinio.
8. Il rilascio della pergamena del titolo conseguito viene effettuato solamente a seguito della richiesta da parte dello studente utilizzando il Mod. SS6. Tale richiesta può essere inoltrata secondo le seguenti modalità:
  a) consegna del Mod. SS6 congiunta ai Mod. SS4 e SS5. Al momento della domanda di esame finale dovrà essere consegnato anche il Mod. SS6 allegando il pagamento della Tassa di pergamena di € 100,00 ed n. 1 marca da bollo da € 16,00 (da applicare alla pergamena). In questo caso il pagamento della Tassa di pergamena potrà essere effettuato unitamente a quello della Tassa di diploma in un'unica soluzione di € 151,65 seguendo le modalità di cui al punto 5. Nella causale del pagamento dovrà essere indicato: "Cognome, Nome, Scuola di Specializzazione, Tassa diploma+Tassa pergamena".
  b) consegna del Mod. SS6 non congiunta. In un momento successivo a quello della domanda di esame finale potrà essere consegnato il Mod. SS6 allegando il pagamento della Tassa di pergamena di € 100,00 e n. 2 marche da bollo da € 16,00 (da applicare una al Mod. SS6 e una alla pergamena). In questo caso il pagamento della Tassa di pergamena dovrà essere effettuato seguendo le modalità di cui al punto 5. Nella causale del pagamento dovrà essere indicato: "Cognome, Nome, Scuola di Specializzazione, Tassa pergamena".

Tali documenti devono essere consegnati a mano o inviati per posta al seguente indirizzo: 
Università per Stranieri di Siena
Area Management Didattico e URP 
Corsi Post Lauream 
Piazza Carlo Rosselli, 27/28
53100 SIENA


 (Nuovo Sistema - Per gli studenti iscritti a partire dall'anno accademico 2017-18 e per tutti quelli degli anni precedenti che aderiranno alla nuova modalità di discussione della tesi finale)
Documenti da  consegnare almeno un mese prima della data stabilita per la tesi:
1. Domanda di esame finale Mod. SS5.
2. N. 1 copia della dissertazione scritta firmata nel frontespizio dal Relatore. La consegna della copia della tesi all’Area Management Didattico e URP può essere rinviata al massimo sino a 15 giorni prima della seduta di diploma. Gli interessati, presi gli opportuni accordi, sono tenuti inoltre a consegnare personalmente una copia della tesi al Relatore e una al Correlatore.
3. Richiesta di assegnazione della tesi Mod. SS4 firmata dal Relatore.
4. Ricevuta di pagamento della Tassa di diploma di € 51,65.
  Il versamento potrà essere effettuato tramite le seguenti modalità:
- MAV generato automaticamente dal sistema di immatricolazione
- pagamento on line attraverso carta di credito
- bonifico bancario sul c/c bancario n. 63228233 intestato all’Università per Stranieri di Siena presso la Banca Monte dei Paschi di Siena - Agenzia 13 – Piazza Giovanni Amendola, 4 – Siena (IBAN: IT 73 G 01030 14217 000063228233 - BIC: PASCITM1J25). Nella causale del versamento dovrà essere indicato: “Cognome, Nome, Scuola di Specializzazione;
- bancomat o carta di credito (direttamente presso il front office dell’Area Management Didattico e Urp - Corsi Post Lauream).
inviare a postlaurea@unistrasi.it:  copia della ricevuta di pagamento.
6. N. 1 marca da bollo da € 16,00 da applicare sul Mod. SS5.
7. Registro del tirocinio (per chi ancora non lo ha consegnato) e modulo riepilogativo Mod. SST
8. Il rilascio della pergamena del titolo conseguito viene effettuato solamente a seguito della richiesta da parte dello studente utilizzando il Mod. SS6. Tale richiesta può essere inoltrata secondo le seguenti modalità:
     a) consegna del Mod. SS6 congiunta ai Mod. SS4 e SS5. Al momento della domanda di esame finale dovrà essere consegnato anche il Mod. SS6 allegando il pagamento della Tassa di pergamena di € 100,00 ed n. 1 marca da bollo da € 16,00 (da applicare alla pergamena). In questo caso il pagamento della Tassa di pergamena potrà essere effettuato unitamente a quello della Tassa di diploma in un’unica soluzione di € 151,65 seguendo le modalità di cui al punto 5. Nella causale del pagamento dovrà essere indicato: “Cognome, Nome, Scuola di Specializzazione, Tassa diploma+Tassa pergamena”.
     b) consegna del Mod. SS6 non congiunta. In un momento successivo a quello della domanda di esame finale potrà essere consegnato il Mod. SS6 allegando il pagamento della Tassa di pergamena di € 100,00n. 2 marche da bollo da € 16,00 (da applicare una al Mod. SS6 e una alla pergamena). In questo caso il pagamento della Tassa di pergamena dovrà essere effettuato seguendo le modalità di cui al punto 5. Nella causale del pagamento dovrà essere indicato: “Cognome, Nome, Scuola di Specializzazione, Tassa pergamena”.
La pergamena dovrà essere ritirata presso l’Area Management e urp - Corsi Post Lauream dallo studente o mediante persona delegata.

Tali documenti devono essere consegnati a manoinviati per posta al seguente indirizzo: 
Università per Stranieri di Siena
Area Management Didattico e URP
Corsi Post Lauream
Piazza Carlo Rosselli, 27/28
53100 SIENA

I moduli possono essere anticipati insieme alle copie delle ricevute degli avvenuti pagamenti tramite e – mail a postlaurea@unistrasi.it
 

Torna all'indice


 

  



Contatti

Direttore della Scuola 
Prof. Andrea Villarini
villarini@unistrasi.it
tel: 0577 240221
studio 115

Coordinatore del percorso professionalizzante I
Insegnante di italiano all'estero nelle scuole di lingua e nella formazione superiore
Prof.ssa Pierangela Diadori
diadori@unistrasi.it
tel: 0577 240372

Coordinatore del percorso professionalizzante II 
Insegnante di italiano L2 in Italia Prof.ssa Antonella Benucci
benucci@unistrasi.it
tel: 0577 240298

Coordinatore del percorso professionalizzante III
Valutazione e certificazione delle competenze
Prof.ssa Sabrina Machetti
machetti@unistrasi.it
tel: 0577 240143

Coordinatore del percorso professionalizzante IV
L’italiano L2 per il sistema scolastico
Prof.ssa Donatella Troncarelli
troncarelli@unistrasi.it
tel: 0577 240124

Segreteria della Scuola
Benedetta Cinotti, Maria Isabel Garcia Criado, Gianluca Nannini
specializzazione@unistrasi.it
tel: 0577 240137- 266