UNISTRASI - Università per Stranieri di Siena - Ateneo Internazionale
Nel nome della madre. Ripensare le figure della maternità 2015

 /   /   /    

Nel nome della madre. Ripensare le figure della maternità  English version

Mercoledì 11 novembre (dalle 15 alle 19.30) e giovedì 12 novembre 2015 (dalle 9 alle 13.30) si terranno, presso l’Università per Stranieri di Siena, due Giornate di Studio dal titolo Nel nome della madre. Ripensare le figure della maternità. Il Comitato organizzativo delle due Giornate - composto da quattro docenti dell’Università per Stranieri di Siena (Daniela Brogi, Tiziana de Rogatis, Cristiana Franco e Lucinda Spera) - vuole creare un momento di confronto e di discussione tra scrittrici e studiose provenienti da diverse discipline (l’antropologia, il diritto, la cultura classica, la filosofia, la letteratura, la comparatistica, la psicoanalisi e la sociologia) e interessate a definire nuovi possibili modi di intendere e di formare l’immaginario sulla figura della madre: senza pensare, prima di tutto, ad un’unica storia di identità tra il materno e il biologico.

Pensiamo che sia importante sostenere oggi la centralità della madre decostruendo sia l’idealizzazione di un potere materno onnipotente sia il dualismo fatalmente riduttivo che vede il padre contrapporsi - e trionfare - sulla madre. Secondo questo dualismo, oggi molto in voga e ispirato ad un pensiero neo-patriarcale, la madre è relegata esplicitamente o implicitamente nell’ambito di un pericoloso biologismo cui segue (o precede) come corollario inevitabile il destino della cura e del sacrificio, mentre il padre si impone come unica figura di riferimento per la definizione di un’identità filiale civilizzata e adulta. Questo schema platonico cui le madri reali sono costrette continuamente ad adeguarsi espropria non solo le donne, ma l’intero genere umano della possibilità di esperire quello che l’ordine simbolico materno realmente è: non un’abiezione/santificazione degli istinti e delle viscere ma un complesso luogo di confine e di reciproco travaso tra il corpo e la mente, tra natura e cultura.

Su questa linea di confine riteniamo debbano essere collocate anche la genealogia delle madri e delle figlie e la costruzione dell’identità femminile. Sono due temi intorno ai quali significativamente tante autrici contemporanee - un nome per tutte: Elena Ferrante - hanno lavorato e stanno lavorando. Il lavoro sulla genealogia è anche quello che riconosce una centralità in tal senso all’opera di Elsa Morante e che ricostruisce, a partire dalla sua opera, le diverse linee di sperimentazione delle scrittrici del secondo Novecento italiano. Un altro nome importante su cui tornare a discutere è quello di Alba de Céspedes: scrittrice molto amata tra gli anni Quaranta e Sessanta, autorevole direttrice della rivista di profilo internazionale «Mercurio», coraggiosa sperimentatrice di forme narrative che gravitano intorno al rapporto madre-figlia e alla decostruzione del matrimonio borghese, questa intellettuale sino a qualche anno fa è stata quasi del tutto assente dal nostro mercato librario mentre i suoi libri, in passato, sono stati etichettati dalla maggior parte della critica letteraria come romanzi rosa. Alla luce di queste considerazioni, ci chiediamo perché queste scrittrici e, più in generale, questa linea tematica sono quasi del tutto assenti dai manuali scolastici italiani e per quale motivo questi nuclei decisivi dell’immaginario femminile faticano ad essere valorizzati dal nostro dibattito culturale e dalla nostra editoria (in larga parte gestita da donne).

    

Relatrici:

Nel pomeriggio e nella mattinata del convegno, aperto da un’introduzione di Daniela Brogi, si succederanno interventi di antropologia (Cecilia Pennacini), di antropologia del mondo antico (Cristiana Franco), di comparatistica e di critica letteraria (Monica Cristina Storini su Elsa Morante, Lucinda Spera su Alba de Céspedes, Katrin Wehling-Giorgi su Goliarda Sapienza e Tiziana de Rogatis su Elena Ferrante), di diritto (Silvia Niccolai), di filosofia (Caterina Botti), di letteratura (Helena Janeczek), di psicoanalisi (Manuela Fraire) e di sociologia (Chiara Saraceno). La scrittrice Helena Janeczek parlerà del suo libro Lezioni di tenebra: un memoir in cui la madre e la rimozione/riemersione della radice ebraica si intrecciano.

 

Aggiornamento per gli insegnanti di Lettere nei Licei e negli Istituti Superiori:

Ai sensi della D.M. 90/2003 del Ministero della Pubblica Istruzione, il Convegno, nella misura in cui è promosso dall’Università per Stranieri di Siena, è riconosciuto quale attività di aggiornamento per i docenti delle Scuole Medie Superiori, che potranno in tal modo usufruire dell’esonero dal servizio secondo le normative vigenti. L’attestato di partecipazione verrà rilasciato dalla Segreteria scientifica al termine dei lavori.

Programma del convegno:
Per il programma del convegno cliccare qui

Comitato Organizzativo:
Daniela BrogiTiziana de Rogatis, Cristiana Franco e Lucinda Spera.

Attività di Ateneo:
Il Convegno rientra nel piano annuale delle attività del Comitato Unico di Garanzia dell'Ateneo.
 
Patrocini:
Il Convegno ha ottenuto il patrocinio dell'Adi-sd (Associazione degli Italianisti-sezione Didattica; http://adisd.blogspot.it/) e della Mod (società Italiana per lo Studio della Modernità Letteraria; il patrocinio sarà visibile sul sito della Mod - www.modlet.it).
 
Segreteria:
Dipartimento di Ateneo per la Didattica e la Ricerca – Università per Stranieri di Siena email: dadr@unistrasi.it Tel. 0577/240.233-244
 

 



Mercoledì 11 (15-19.30) e giovedì 12 novembre (9-13.30) 2015

Università per Stranieri di Siena – Piazza Carlo Rosselli 27/28 53100 Siena