UNISTRASI - Università per Stranieri di Siena - Ateneo Internazionale
Festival "Siena città aperta ai giovani", oltre 40 appuntamenti in cartellone fino a metà giugno

 / 

Oltre quaranta eventi animeranno la città fino alla metà di giugno con appuntamenti dedicati alla danza e al teatro, alla musica, al linguaggio e arti visive fino a incontri e workshop. Il cartellone del Festival Siena Città Aperta ai Giovani è stato presentato a Palazzo Berlinghieri in un incontro con la stampa.

Siena Città Aperta sarà interamente dedicato alle nuove generazioni e l’impianto complessivo del festival è frutto di un percorso condiviso tra le istituzioni (Comune, Università di Siena, Università per Stranieri, Vernice Progetti Culturali, Fondazione Monte dei Paschi di Siena) per mettere insieme un programma fatto dai giovani per i giovani. Il bando ha selezionato le proposte delle associazioni senesi, 11 sono state quelle premiate dalla commissione e finanziate dal Comune.  In totale l’amministrazione ha sostenuto con 28mila euro i progetti presentati per Siena Città Aperta ai Giovani. 

IL PROGRAMMA. L’edizione di quest’anno di Siena Città Aperta ai Giovani punta sul rapporto tra i giovani e la cultura attraverso un variegato programma di appuntamenti che spaziano su più arti e linguaggi.
Il titolo scelto per il 2019 è â€œLa città luogo di incontro e contaminazione culturale per la generazione 4.0” e comprende anche gli spettacoli della rassegna Rinnòvati Rinnovati.
In calendario, il 27 febbraio alle 17 nell’Aula Magna Storica del Rettorato, â€œStudium”, il ciclo di incontri mensili in cui i ricercatori dell’Università di Siena si confrontano con i cittadini. Primo appuntamento dal titolo “Filosofare. La costruzione del pensiero libero e critico nell'era dei like”, a cui seguiranno altri incontri in programma il 28 marzo, il 17 aprile e il 30 maggio.
Numerosi gli appuntamenti da mettere in agenda a marzo a partire da “L’acqua in Campo”, seminari, eventi e spettacoli per celebrare la Giornata mondiale dell’acqua e il sesto centenario di Fonte Gaia (1419-2019), in programma dal 22 al 30 marzo tra Palazzo Sansedoni e Piazza del Campo.
Spazio all’approfondimento il 4 marzo con “Donne e Sport: nuovi significati e prospettive ampliate” (Palazzo Patrizi ore 16), il 13 marzo alle 17 nel Cortile del Rettorato con “Bene comune, bene proprio”, primo appuntamento del format multidisciplinare “Connessioni”, e il 25 marzo con “Le trasversalità e la contaminazione di competenze e di stili nel lavoro del musicista”, un incontro con Alessio Bertallot, Giuseppe Vitale, Willie Peyote & Raige, che il 27 marzo terranno un concerto al Teatro dei Rinnovati.
Numerosi, infatti, gli spettacoli in programma a marzo: il 12 marzo ai Rozzi “It’s app to you”, il 16, 18 e 21 marzo “Corpi in concerto” e sempre il 21 marzo nell’Aula Magna del Rettorato “La Madonna Bionda”, uno spettacolo nato dallo studio dell’opera teorica e performativa di Carmelo Bene.
E ancora il 16 marzo protagonista la danza con “Contamin-Arti” (ore 21.15 al Teatro dei Rinnovati), mentre dal 15 marzo al 2 aprile sono in cartellone gli workshop con Francesco Levy sulle arti visive dal titolo “Mappe del tempo, archivio e memoria” a Palazzo Sansedoni.
Il cartellone prosegue ad aprile con tanti appuntamenti da non perdere a partire dalla danza con “Nice to meet me” (1-15 aprile), “Il rito del the” (3, 6, 13 e 14 aprile) e â€œCome sarebbe… se fosse stato?” (16 aprile alle 21 all’Auditorium dell’Università per Stranieri).
Spazio anche a un approfondimento dedicato alla figura di Fabrizio De Andrè a venti anni dalla scomparsa con un doppio appuntamento il 18 aprile: l’incontro “Il linguaggio di De Andrè” (ore 18 nell’Aula Magna Storica del Rettorato) e il concerto-tributo de Gli Amici di Pippo (alle 21 nel cortile del Rettorato).
Ancora musica l’11 aprile ai Rinnovati con “Rancore. Cleaver Gold” e sempre a teatro in programma lo spettacolo dell’associazione Liceone (17 aprile Teatro dei Rozzi).
Tra gli spettacoli da segnalare anche “Shampoo in corso” dedicato al recupero dell’opera teatrale e cinematografica di Giuseppe Bertolucci (17 aprile alle 21 nell’Aula Magna del Rettorato), mentre tra gli approfondimenti spazio a â€œLoading Future”, il 13 aprile al S. Niccolò una giornata dedicata al confronto tra alumni, docenti, studenti, professionisti e cittadini.
Gli appuntamenti del mese di maggio mettono al centro la poesia e le letture, le arti visive e il teatro con rassegne e appuntamenti dedicati.

Si comincia con “Ciclomaggio” (dal 2 al 30 maggio), l’iniziativa creata dagli studenti del polo umanistico dell’Università di Siena per promuovere la conoscenza e l’approfondimento di un autore della contemporaneità italiana. L’edizione 2019 è dedicata a Pier Vittorio Tondelli, la cui figura sarà al centro di cinque giornate di approfondimento sulla produzione letteraria e sul contesto storico, sociale e culturale degli anni ’80.
Il 22 maggio torna la “Notte della Poesia”, la rassegna, giunta alla decima edizione, sarà dedicata alla lettura di poesie in tutte le lingue del mondo.
Il 30 maggio alla Corte dei Miracoli (ore 21) l’appuntamento è con “Agorà. Il teatro e la città”.
Il 31 maggio sarà la volta del laboratorio teatrale “Prometeo Scatenato” (ore 21 al Teatro dei Rozzi).
Dal 14 al 30 maggio torna anche “In Box”, mentre dal 9 all’11 maggio al Teatro dei Rozzi è in programma l’operetta goliardica.
A giugno gli appuntamenti di chiusura della rassegna con la mostra “Comunicazioni visive e tattili” alla Galleria Olmastroni di Palazzo Patrizi (1°-15 giugno), la musica di Sienager (13-15 giugno al Museo dell’Acqua), il secondo appuntamento di Connessioni (14 giugno al Cortile del Rettorato) e le arti visive con Step Up (15 giugno a Palazzo Sansedoni).