UNISTRASI - Università per Stranieri di Siena - Ateneo Internazionale
Rapporto AlmaLaurea 2019 su profilo e condizione occupazionale dei Laureati: i dati di Unistrasi

 / 

Il Consorzio Interuniversitario AlmaLaurea ha presentato il XXI Rapporto sul Profilo e sulla Condizione occupazionale al Convegno “Univeristà e mercati del lavoro" presso la sapienza Università di Roma. Le indagini hanno coinvolto laureati di 75 università.
Il Rapporto di AlmaLaurea sul Profilo dei laureati ha indagato le performance formative di oltre 280 mila laureati nel 2018: in particolare, 160 mila laureati di primo livello, 82 mila laureati nei percorsi magistrali biennali e 37 mila laureati a ciclo unico; il Rapporto di AlmaLaurea sulla Condizione occupazionale ha indagato 630 mila laureati di primo e secondo livello, nel 2017, 2015 e 2013, intervistati, rispettivamente, a uno, tre e cinque anni dal conseguimento del titolo.
Da questa indagine emerge che, anche nella fase attuale di difficile transizione dopo la crisi del 2008, ottenere una laurea è importante per garantirsi una migliore possibilità di trovare lavoro e migliori condizioni lavorative e retributive.
Riguardo all’Università per Stranieri di Siena, AlmaLaurea ha intervistato 393 laureati. Si tratta di 320 di primo livello e 72 magistrali biennali.  Evidenziamo alcuni elementi caratterizzanti per il nostro ateneo.

TIROCINI, STUDIO ALL’ESTERO E LAVORO DURANTE GLI STUDI. Il 90,6% dei laureati ha svolto tirocini riconosciuti dal proprio corso di studi.
Ha compiuto un’esperienza di studio all’estero riconosciuta dal corso di laurea (Erasmus in primo luogo) il 48,1% dei laureati: il 52,9% per i triennali e il 25,4% per magistrali biennali .
Il 60,2% dei laureati ha svolto un’attività lavorativa durante gli studi universitari: è il 57,0% tra i laureati di primo livello e l’74,6% tra i magistrali biennali.
LA SODDISFAZIONE PER L’ESPERIENZA UNIVERSITARIA.  Il 95,5% dei laureati è soddisfatto del rapporto con il corpo docente e l’87,2% ritiene il carico di studio adeguato alla durata del corso. In merito alle infrastrutture messe a disposizione dall’Ateneo, 90,5 laureati su cento considerano le aule adeguate; più in generale, 90,1 laureati su cento si dichiarano soddisfatti dell’esperienza universitaria nel suo complesso.
LA CONDIZIONE OCCUPAZIONALE DEI LAUREATI dell'Università per Stranieri di Siena
L’Indagine sulla Condizione occupazionale ha riguardato complessivamente 386 laureati dell'Università per Stranieri di Siena. I dati si concentrano sull’analisi delle performance dei laureati triennali e magistrali biennali usciti nel 2017 e contattati a un anno dal titolo.
LAVORO, I LAUREATI TRIENNALI A UN ANNO DALLA LAUREA. L’Indagine ha coinvolto 246 laureati triennali del 2016 contattati a un anno dal titolo (nel 2017). Dal momento che una quota consistente di laureati di primo livello, complessivamente il 57,6%, prosegue il percorso formativo con la magistrale, vengono fotografate le performance occupazionali di coloro che dopo il conseguimento del titolo hanno scelto di non proseguire gli studi e di immettersi direttamente nel mercato del lavoro. Isolando quindi i laureati triennali dell'Università per Stranieri di Siena che non si sono mai iscritti a un corso di laurea magistrale (41,0%), è possibile indagare le loro performance occupazionali a un anno dal titolo. Il tasso di occupazione è del 61,8%. La retribuzione è in media di 929 euro mensili netti.
LAVORO, I LAUREATI DI SECONDO LIVELLO A UNO E CINQUE ANNI DALLA LAUREA. I laureati di secondo livello nel 2017 contattati dopo un anni sono 51, quelli del 2013 contattati a cinque anni sono 35. Il tasso di occupazione a un anno è del 61,0%, mentre il tasso di occupazione a cinque anni è pari al 94,7%, rispetto al dato nazionale del 85,5%.

Tutte le informazioni sul XIX Rapporto sul Profilo sul sito di AlmaLaurea(link a https://https://www.almalaurea.it/info/convegni/roma2019)